La Amrita University offre corsi yoga gratuiti ai carcerati

Con la compartecipazione del Dipartimento delle Penitenziari di Stato (State Prisons Department), la Amrita University ha lanciato un corso per insegnare yoga e meditazione ai carcerati. Il direttore dei penitenziari S Santhosh ha tenuto l’inaugurazione nazionale del programma di insegnamento presso il penitenziario centrale di Poojappura di Thiruvananthapuram. Swami Gurupadashritananda Puri del Mata Amritanandamayi Math terrà le classi di yoga. Il Dipartimento dei Penitenziari di Stato ha deciso di far tenere programmi di insegnamento dello yoga e della meditazione in 43 penitenziari e case di correzione situate sul territorio nazionale. Il Mata Amritanandamayi Math e la Amrita University offrono corsi gratuiti di yoga e meditazione nei penitenziari.

All’inaugurazione, il capo delle carceri ha detto che sono molto apprezzati i servizi offerti dal math per trasformare i carcerati in persone nuove. Lo yoga è un ottimo modo per i carcerati di migliorare la propria salute fisica e mentale. L’ufficiale ha poi detto che lo yoga contribuisce positivamente al reinserimento dei carcerati nella società come nuovi esseri umani. Durante l’inaugurazione, Swami Gurupadashritananda Puri del Mata Amritanandamayi Math, che terrà le classi di yoga, ha offerto un discorso molto ispirante. All’evento hanno anche partecipato il sovrintendente del carcere N.S. Nirmalanandan e varie autorità. Terminata l’inaugurazione, il programma è stato attivato con una sessione speciale di yoga sotto la guida di Swami Gurupadashritananda Puri.

Il programma nel dipartimento dei penitenziari durerà 10 giorni. Nel 2018 il Mata Amritanandamayi Math ha lanciato il programma di formazione più grande che si sia mai visto in Kerala per insegnare lo yoga ai carcerati. I medici carcerari dicono che la salute fisica e mentale dei carcerati che praticano yoga è in via di miglioramento. Dalle relazioni dei medici si desume che i carcerati che praticano yoga costantemente da un anno mostrano significativi cambiamenti quanto a diabete, metabolismo del grasso, pressione sanguigna e stress. Swami Gurupadashritananda Puri ha detto che il progetto ambisce a reinserire i carcerati nella società come buoni padri di famiglia e non più uomini con tendenze criminali.

“Era desiderio di Mata Amritanandamayi Devi aiutare i reclusi a ritornare ad una vita normale e per questo è stato proposto il programma di meditazione integrata Amrita (tecnica IAM)” ha aggiunto. Gli esperti confermano che le pratiche yoga contribuiscono in maniera significativa a ridurre il numero di suicidi nelle carceri del Kerala, supportando la visione di Amma. Gli insegnanti dell’Amrita Yoga, esperti in tecniche di respiro, autoanalisi e controllo delle emozioni, oltre che nella tecnica di meditazione integrata Amrita, tengono corsi nelle prigioni centrali, distrettuali, e nei subpenitenziari e nei subpenitenziari speciali. Oltre ai carcerati anche lo staff della prigione fruisce delle classi di yoga. Oltre 21.000 persone hanno già partecipato alle classi, tra uomini e donne.