Impegniamoci a ridurre lo spreco per il Nuovo Anno

Salutando il Nuovo Anno e il nuovo decennio, proviamo a prendere come impegno almeno uno dei suggerimenti di Amma per la riduzione dei materiali che utilizziamo (limitandone il consumo in modo semplice e riciclando)
“Anche il viaggio più grande inizia con un piccolo passo. Che ciascuno di noi possa dare il benvenuto al nuovo anno apportando piccoli cambiamenti nella propria vita. Se tutti riusciremo a farlo, daremo inizio a una nuova era di amore, compassione e altruismo”. – dal messaggio di Capodanno di Amma del 2013.

Ecco alcuni modi attraverso cui ridurre il consumo delle preziose risorse della nostra madre Terra:
1. Utilizzare borse della spesa in stoffa e tenerle in auto.

2. Utilizzare carta oleata anziché plastica.

3. Produrre noi stessi i detersivi per lavatrice.
Testimonianza di una persona che utilizza detersivo fatto in casa:
“Ho creato da sola il mio sapone liquido da lavatrice non solo per ridurre l’impatto sull’ambiente ma anche per risparmiare denaro. Con la ricetta che ho seguito ho prodotto circa 20 litri di sapone liquido che ho messo in un contenitore riutilizzabile più e più volte. Il tutto è costato circa 3 euro.
Per un bucato sporco normale utilizzo mezza tazza. Il mio sapone costato 3 euro basta quindi per 80 -160 lavaggi a pieno carico! Ho usato questo sapone e non ho notato alcuna differenza rispetto alle marche di saponi in commercio. Ho risparmiato molto e ho ridotto davvero il mio impatto ambientale riutilizzando lo stesso contenitore più volte, inoltre gli ingredienti erano in confezioni di carta o cartone che potevano essere facilmente riciclate”

4. Ridurre l’uso di carta assorbente da cucina
sostituendola con stracci lavabili utili per ripulire superfici, assorbire liquidi, e per altri lavori di pulizia.

5. Tenere con sé un fazzoletto di cotone
da utilizzare a tavola, ristorante invece di quelli usa e getta in carta.
Se tutti lo facessero negli Stati Uniti, utilizzando circa 70 rotoli di carta in meno, si salverebbero ogni anno 544.000 alberi. L’esperienza di una persona: “Ho comprato una confezione con 8 fazzoletti di cotone che ho lavato e riutilizzato per molti anni. Ne tengo uno sempre nel mio borsello e sul mio tavolo. Li cambio durante la settimana. Alla fine della settimana li lavo. Li uso al ristorante, sull’aereo, in spiaggia e al satsang”.

6. Creare da soli le salviette umidificate disinfettanti.


7. Realizzare pagliette per la pulizia delle pentole
riutilizzando le retine di plastica delle confezioni di frutta e verdura.

8. Ridurre lo spreco di cibo
programmando meticolosamente i consumi, comprando solo il necessario e conservando il cibo avanzato in maniera appropriata. Il Dipartimento dell’Agricoltura degli USA stima che il 30-40% del cibo prodotto venga sprecato.
Durante i recenti programmi di Amma, viene mostrato un video sull’aiuto dato ai contadini per produrre riso nella campagna indiana. Il video mostra quanti sforzi, tempo e acqua serva per crescere un singolo chicco di riso.

9. Usare utensili riutilizzabili come posate, stoviglie, tazze, bicchieri e cannucce. A casa, al lavoro e nei punti di ristoro. Esistono molte varianti da viaggio che si possono facilmente portare in borsa o in auto.

10. Diminuire o eliminare il consumo di carne
. Gli allevatori di bestiame utilizzano più quantità di terreno e il 10-20% in più di acqua e cereali rispetto alle coltivazioni di soli vegetali. L’allevamento inoltre inquina l’acqua, causa la deforestazione e il 40% in più di effetto serra dovuto a emissione di gas rispetto all’agricoltura.