Aprire la porta all’infinito

Swami Amritaswarupananda su Freewill & Our Tiny Piece of Sky

Gli esseri umani affermano di godere di una grande libertà. Tuttavia, la realtà è che siamo vincolati a innumerevoli limitazioni. Nella maggior parte dei casi, il nostro libero arbitrio non è altro che quello di una mucca legata a un albero.
Un discepolo una volta chiese al suo guru: “Quanto libero arbitrio possiedo?” Il guru ordinò al discepolo di alzare una gamba. Il discepolo sollevò la gamba sinistra. “Ora solleva anche la gamba destra”, disse il guru. Il discepolo rispose: “Come posso farlo? Perderò l’equilibrio e cadrò.” Il guru sorrise e disse: “Quindi, la tua libertà di scelta finisce con il sollevare una gamba. Prima di alzare la gamba, avevi la libertà di scegliere. Una volta sollevata, la tua libertà è finita”.

“L’implacabile battaglia dell’ego è una lotta tra il nostro passato e il nostro futuro, tra ciò che eravamo e ciò che vogliamo diventare. Tra il passato e il futuro si trova il momento presente – la dimora della vera pace e della vera felicità”.

In realtà, la libertà è la nostra stessa natura. Ma a causa della nostra incapacità di comprendere chi siamo veramente, ci siamo identificati con l’ego. Da quel punto, siamo rimasti intrappolati in un’attrazione o un’avversione poco intelligente verso tutti e tutto ciò che incontriamo. Perciò ci sentiamo come una mucca legata, che tira costantemente contro le forze che trattengono l’altra estremità della corda. L’implacabile battaglia dell’ego è una lotta tra il nostro passato e il nostro futuro, tra ciò che eravamo e ciò che vogliamo diventare. Tra il passato e il futuro si trova il momento presente – la dimora della vera pace e della vera felicità. Sfortunatamente, a causa dei nostri intensi e persistenti desideri egoistici, il presente, con tutta la sua pace, il suo amore e la sua libertà, ci risulta incomprensibile.
Nelle antiche scritture indù come i Veda, troviamo riferimenti al sacrificio animale. La parola sanscrita usata in questi testi è paśu. Anche se il significato comune di paśu è una mucca o un animale in generale, la parola deriva dalla radice paś – “legare”. Nell’ambito del sacrificio animale, la parola serve a ricordare che siamo tutti prigionieri dell’ego, legati dalle corde dell’ignoranza del sé e delle nostre emozioni più basse. Quando gli antichi saggi dicevano: “Sacrifica il paśu”, ciò che intendevano realmente era: vai oltre le tue tendenze animalesche, rinuncia all’ego e sii libero.

“Quando etichettiamo la vita come ‘la mia vita’, ‘la tua vita’ o ‘la sua vita’ stiamo creando divisioni che in realtà non esistono. Tutte queste demarcazioni sono solo nella tua mente e nei tuoi pensieri. In realtà, la vita è la totalità della coscienza.” – Amma

Amma afferma: “Quando etichettiamo la vita come ‘la mia vita’, ‘la tua vita’ o ‘la sua vita’, stiamo creando divisioni che in realtà non esistono. Tutte queste demarcazioni sono solo nella tua mente e nei tuoi pensieri. Sono solo concetti della mente. In realtà, la vita è la totalità della coscienza”.
Nel nostro stato attuale, cosa sappiamo della vita? Sappiamo qualcosa della sua dimensione maggiore? La sua infinità? Quando diciamo “la mia vita”, pensiamo mai che ci stiamo limitando al minuscolo pezzo di cielo che vediamo attraverso lo spioncino della nostra mente?
Il messaggio dei grandi maestri spirituali come Amma è che dobbiamo renderci conto che il nostro “minuscolo pezzo di cielo” è in definitiva un tutt’uno con il cielo infinito. In tale presa di coscienza, tutte le idee sbagliate create dall’ego e dalla nostra identificazione con il corpo, la mente e il mondo vengono trascese. Raggiungiamo l’apice della consapevolezza. Diventiamo un tutt’uno con il cielo infinito – la totalità dell’esistenza. Quindi, vediamo che la nostra libertà è perfetta e non adulterata.
Il corpo è un conglomerato dei cinque elementi: spazio, vento, fuoco, acqua e terra. Ha i suoi limiti ed è destinato a cambiare, decadere e tornare alle sue origini. Se ci identifichiamo con esso, la libertà non sarà mai nostra. Il vero sé è diverso. È la totalità. Si manifesta in e attraverso tutto ciò che sentiamo, tocchiamo, vediamo, gustiamo e annusiamo: ogni cosa senziente e non, rozza e delicata, ogni fatto reale e anche il mistero. Quando ci rendiamo conto di questa unità intrinseca, siamo davvero in sintonia con l’universo. Questa presa di coscienza è come un seme che diventa un albero. In realtà, il seme è un albero in uno stato dormiente. Tale consapevolezza trasforma e rivela il potenziale illimitato dentro di noi – l’energia incommensurabile che siamo in realtà. La scoperta della nostra vera natura apre la porta all’infinito.

Swami Amritaswarupananda Puri è il vicepresidente del Mata Amritanandamayi Math e il discepolo più anziano di Sri Mata Amritanandamayi Devi (Amma). È autore di diversi libri, l’ultimo dei quali è intitolato The Irresistible Attraction of Divinity.

aprire la porta all’infinito