Amma Mexico distribuisce provviste a famiglie in difficoltà durante il Covid 19

I volontari di Amma Mexico a Cancun hanno gestito regolarmente mense per aiutare le persone che vivono in povertà nella loro zona. Tuttavia, con il distanziamento sociale come preoccupazione principale, la pandemia di coronavirus ha interrotto questa attività. Per porvi rimedio, i volontari stanno preparando scatole di provviste e generi di prima necessità da consegnare direttamente a casa della gente.
“Gli effetti economici e sociali associati a questa crisi sanitaria ci hanno spinto a raccogliere fondi per donare provviste alle famiglie che hanno perso il lavoro”, spiega Mario Martinez, uno dei volontari. “Queste sono persone che in condizioni normali vivono già in povertà, e con la situazione attuale la loro disperazione aumenta”. In questa settimana il Messico ha riportato un tragico record presso all’Organizzazione Mondiale della Sanità con oltre 83.500 decessi dovuti al COVID-19. A livello globale, questo è il quarto numero più alto di vittime. In termini di casi confermati, il Messico è al nono posto con oltre 814.000 persone contagiate. La diffusione del virus ha devastato l’economia messicana già in difficoltà, che quest’anno sta recedendo fino al 13%. Questa è la recessione più profonda per il Paese dalla Grande Depressione degli anni ’30. “Un’alta percentuale della popolazione in Messico vive di lavoro mobile, quindi la pandemia ha tagliato i mezzi per guadagnare”, dice Martinez. “A Cancun, la principale fonte di occupazione è il turismo, che ha lasciato disoccupate migliaia di persone che lavorano nel settore”. Le confezioni di Amma Mexico contengono 13 prodotti: riso, fagioli, zucchero, sale, olio, lenticchie, tonno, biscotti, pasta, jalapeños, farina, carta igienica e sapone. Ad aprile, il team ha consegnato 308 scatole, a giugno altre 336 e ad agosto altre 240. Un totale di 884 famiglie a Cancun e nelle aree circostanti ha ricevuto i rifornimenti di cui aveva estremo bisogno. La prossima distribuzione è prevista per dicembre.
Martinez spiega che consegnare questi beni di prima necessità aiuta i destinatari ad avere la salute e la forza di cui hanno bisogno per andare avanti. Una scatola non cambia la situazione generale, ma almeno hanno qualcosa da mangiare per una settimana. È un piccolo risultato se si pensa a una sola famiglia, ma fa la differenza se si moltiplica questo valore per più di 800 famiglie.
“Le comunità che abbiamo sostenuto sono famiglie che prima del Covid stavano già lottando”, dice. “È importante riconoscere la nostra vulnerabilità di fronte a una crisi globale come quella che stiamo vivendo, e fare il possibile per aiutare i più svantaggiati, anche se è un minimo”.
Dall’inizio di questa missione, l’obiettivo di Amma Mexico è andato oltre a garantire il soddisfacimento di bisogni nutrizionali. I volontari danno cibo con amore e devozione in modo che anche le persone possano sentirsi sollevate nei loro cuori. I volontari trascorrono del tempo con ogni famiglia per ascoltare veramente e poi cercare di fornire tutto ciò che può mancare. Martinez afferma che il coronavirus ha aumentato profondamente questa comprensione della sofferenza mentale ed emotiva delle persone che si adoperano per aiutare.
“La pandemia ci ha insegnato che dobbiamo vivere nel presente e non fare grandi progetti per il futuro. Speriamo di continuare ad aiutare sempre di più quando si presenteranno le circostanze “, conclude Martinez. “Essere in grado di ascoltare le persone e vedere i loro volti illuminarsi di gioia quando ricevono le provviste ci consente anche di realizzare che riceviamo più di quanto diamo”.