Come mai Amma fa commuovere chiunque?

Nerul, Mumbai, 4 marzo 2019

Oggi Amma si è rivolta alle migliaia di abitanti di Mumbai giunti presso il suo ashram di Nerul, ove presenziavano anche l’attrice Vidya Balan, il politico Prashant Thakur e altre eminenti personalità.
Nel primo giorno della celebrazione Brahmasthanam presso il suo ashram di Nerul, a Navi Mumbai, Amma ha intonato dei bhajan, tenuto il satsang e guidato le persone nella meditazione e in preghiere per la pace nel mondo insieme al suo darshan – un abbraccio amorevole e materno attraverso il quale ha benedetto milioni di persone in tutto il mondo.
Per l’occasione l’attrice Vidya Balan si è unita ad Amma per distribuire dei sari alle donne del villaggio di Ransai, nel distretto di Panvel, uno dei 101 villaggi adottati da Amma.
Rivolgendosi alla folla raccoltasi sia all’interno sia all’esterno del Math, Amma ha detto: “La tecnologia è al contempo un buon servitore e un pericoloso padrone. Per molte persone le relazioni si sono ormai ridotte ai numeri presenti nel loro telefono. Non diamo più valore al vedersi faccia a faccia. Quando le nostre relazioni col mondo sono definite esclusivamente attraverso le macchine, tutta la nostra coscienza è stretta in pugno dall’inconscia macchina. Dovremmo sfruttare le macchine e amare le persone, non dobbiamo mai permettere che il tratto caratteristico della nostra società sia ‘sfruttare le persone e amare le macchine’”.
“Maggiore è lo spazio che creiamo nel nostro cuore per gli altri e maggiori saranno la felicità e la contentezza che proveremo. La legge dell’universo e della vita si basa sull’altruismo. Le persone egocentriche ed egoiste non riescono a godere pienamente della propria vita e ad essere felici per questo: perché il loro comportamento non è in armonia con la legge dell’universo. Tutto il creato si apre alla stessa musica e allo stesso ritmo. Comprendere ciò e armonizzarci con questa legge permettono alla pace, alla felicità e alla prosperità di divenire automaticamente nostre”, ha poi aggiunto.
Vidya Balan ha dichiarato: “Sono un’ardente ammiratrice di Amma da quando ero bambina e il suo modo di gestire le situazioni con l’amore mi ha sempre affascinato. Spesso mi chiedevo perché molte persone si ammassassero a frotte per sentire le sue parole e solo più tardi ho realizzato che le persone rimangono ammutolite di fronte alla sua semplicità e al suo amore. La religione di Amma è la religione dell’amore ed è attorno a questa filosofia che sto cercando di condurre la mia vita. Per me Amma è Amore incarnato, la Madre universale che accoglie il mondo nel suo abbraccio onnicomprensivo”.
Negli ultimi 20 anno l’ashram di Nerul ha tenuto un programma che ogni domenica offre del cibo a 500 poveri e fornisce assistenza medica gratuita a chiunque ne abbia bisogno. La struttura offre anche una casa di cura e un dispensario farmaceutico del tutto gratuiti per i poveri e i malati terminali di Badlapur, che l’ashram gestisce dal 1995. Dal 2014 Amma ha preso sotto la sua ala il villaggio di Ransai (vicino a Panvel) come parte del programma Amrita SeRVe finalizzato a rendere 101 villaggi indiani dei modelli di emancipazione e sostenibilità. Il suo ashram ha fornito ricovero, medicinali gratuiti e assistenza medica gratuita subito dopo le inondazioni che nel 2005 hanno colpito Mumbai. Amma mette poi anche a disposizione nello stato del Maharashtra le borse di studio “Vidyamritam”, un’iniziativa volta a ridurre il numero di agricoltori che commettono suicidio.