Londra: Cammineremo con voi e lavoreremo insieme per portare la conoscenza

Sandown Park, Esher, Londra, 1-2 novembre – Tour Europeo 2019

Amma è giunta a Londra dopo un lungo viaggio in auto da Monaco di Baviera. Sebbene fosse mezzanotte passata, centinaia di volontari si sono riuniti per darle il benvenuto nel Regno Unito, con occhi scintillanti di gioia non appena Amma è uscita fuori dal suo automezzo.
Il mattino seguente il programma è stato aperto da un avvenimento speciale. Duncan Ross, capo dell’Ufficio Dati del Times Higher Education Rankings Agency (agenzia di ranking) è venuto a conferire ad Amma, quale rettrice dell’Università Amrita, l’attestato che quota l’Università Amrita come la n. 1 tra le università private in India. Durante la consegna del certificato il signor Ross ha detto: “È con grande piacere che consegno questo attestato, perché l’Università Amrita è davvero una delle università migliori al mondo. Ma questo è solo parte della storia. Infatti, la cosa anche mi ha maggiormente colpito di questa università, sotto la direzione di Amma, è il diverso approccio all’apprendimento e all’insegnamento. Ci sono molte, molte università importanti nel mondo. Ma queste università spesso cercano di essere fari del sapere e dicono alla gente: ‘Venite da noi, seguiteci. Quassù c’è l’apice della conoscenza’. Invece all’Università Amrita ho scoperto che voi non dite: ‘Seguiteci, venite da noi’, ma: ‘Cammineremo con voi. Faremo tesoro della luce che c’è in ognuno e lavoreremo insieme per portare la conoscenza e il sapere in tutte le comunità del mondo’.
“Non è sufficiente che un’università eccella, deve integrarsi nella società ed essere aperta al dialogo con tutte le genti di tutto mondo. Oggi, che vediamo tirar su muri, le università devono davvero avere un respiro globale, dandoci speranza per l’umanità all’interno dell’universo. Così, ancora una volta, grazie mille alla rettrice Amma per la Sua leadership eccellente”.
La sera, Lord Michael Hastings, membro del British Government’s Upper House of Parliament (Camera alta del Parlamento del Governo britannico), vicepresidente dell’UNICEF e responsabile globale della cittadinanza per KPMG, nonché Lisa Faulkner, famosa attrice, presentatrice e celebre chef, hanno dato il benvenuto ad Amma nel Regno Unito. Lord Hastings ha sottolineato nelle sue osservazioni: “È un privilegio meraviglioso poter dare il benvenuto a Lei, Amma, ed essendo in parte indiano, è una gioia poterLa vedere qui oggi. Avendo letto così tanto sulla Sua abnegazione, compassione, impegno sociale, energia e perseveranza, è un piacere per tutti noi trascorrere questa serata in Sua presenza.
“Credo fermamente che cogliendo l’opportunità che l’amore ci dà di trasformare gli altri, alla fine questo trasformi pure noi. Se si vuole conquistare la vita, bisogna essere disposti a rinunciarvi. Se ci si aggrappa alla vita, la si perde. E regalare la vita, è regalare le migliori qualità di cui Dio ci ha dotati. Amarci gli uni gli altri. Amare e cercare la verità, amando la semplicità nella complessità più assurda, desiderosi e grati dei momenti di pace in cui possiamo riflettere sul battito del nostro cuore.
“Amma, Lei è ritornata di nuovo qui a mostrarci questo tipo di amore. Tutti noi abbiamo bisogno di vedere l’amore in forma umana, in un’altra persona, nelle persone che ci incoraggiano e che ci guidano… Ciò semplicemente significa che uno è completo quando anche l’altro è completo, e questo avviene quando si riceve amore e si ricambia. Questo è più prezioso di qualsiasi montagna d’oro o gemme, è più appagante di qualsiasi possesso, più profondo e pieno di significato di qualsiasi solennità. Più inestimabile di qualsiasi patrimonio in banca”.
Lisa Faulkner ha parlato del profondo impatto di Amma sulla sua vita: “È solo il terzo anno che ricevo il darshan, ma il mio rapporto con Amma sembra andare oltre il tempo. Per anni sono stata attratta dalle sue fotografie, chiedendo spesso chi fosse quella donna sorridente. E sebbene siano solo tre anni, mi sembra invece di parlare con Amma da sempre. Porto con me la sua immagine ovunque, come fa anche mia figlia. Quando non riesco a dormire o qualcosa mi agita, parlo ad Amma e metto la sua fotografia sotto il cuscino. E sapete? Mi addormento e trovo le risposte che stavo cercando. Con lei condivido anche i momenti felici e di festa…”.
“Mi sono sentita incredibilmente in sintonia con Madre Amma, sul fatto che non è necessario essere una madre per essere madre. Essere madre significa trascendere qualsiasi connotazione di genere, essere madre è amare e dare nutrimento incondizionatamente. Amma è quell’Amore”.
Nelle sue riflessioni Amma ha parlato del fatto che l’amore risiede nel nostro vero centro ed è intessuto nel nostro essere, come parte dello stesso universo: “Più creiamo spazio per gli altri nel nostro cuore, più proveremo felicità e soddisfazione. L’amore per gli altri è la legge dell’universo e della vita. Questo è il motivo per cui le persone egoiste ed egocentriche sono incapaci di godere appieno della vita ed essere felici: il loro comportamento non è in sintonia con la legge dell’universo. Tutta la creazione si realizza attraverso la stessa melodia e lo stesso ritmo. Se capiamo questo, quando ci allineiamo con questa legge, la pace, la felicità e la prosperità saranno automaticamente nostre”.
Terminato il darshan dell’ultima sera, che è durato sino al mattino seguente, Amma ha espresso il desiderio di rimanere ad aiutare i volontari nel mettere a posto. Ha spiegato che avrebbe voluto farlo, nonostante i 1.300 kilometri di macchina fino a Marsiglia e il programma che avrebbe dovuto iniziare il mattino seguente. Come l’automezzo di Amma è partito per il viaggio, i cuori dei volontari erano colmi della consapevolezza che sarebbero rimasti nei pensieri di Amma mentre proseguivano infaticabili nel loro lavoro.