12 Ott

Il compleanno è un giorno fatto per donare, senza riserve

Amritavarsham 63, celebrazioni per il 63° compleanno di Amma
Amritapuri, 27 settembre 2016

Come ogni anno, il compleanno di Amma è un’ulteriore occasione per donare. Il primo ministro dell’India, Narendra Modi, che ha partecipato alle celebrazioni tramite video conferenza, ha annunciato il completamento, ad opera del Mata Amritanandamayi Math (MAM), di 2000 gabinetti pubblici per i poveri in Kerala, quale parte integrante della donazione di un miliardo di rupie (ca. 14 milioni di euro) per la costruzione di 15.000 unità per eliminare il problema della defecazione a cielo aperto in India.

Nella stessa occasione, con l’aiuto di ministri di gabinetto, figure religiose e altri autorevoli dignitari, il MAM ha offerto anche:

–          400 interventi di chirurgia per i poveri all’ospedale Amrita, incluse 200 operazioni a cuore aperto, 25 trapianti renali, 75 interventi di neurochirurgia e 100 oncologici;

–          fornitura di acqua potabile a tutti i residenti di 5 villaggi rurali come parte di “Amrita SeRVe” (progetto di adozione di 101 villaggi per renderli autosufficienti):  Ratnapur e Bhojpur nel Bihar; Danda e Uttarakashi nell’Uttarakhand; Gudipavacheru a Guntur, in Andhra Pradesh;

–          sviluppo e realizzazione di un metodo di reddito sostenibile, derivante da un impianto a  energia solare termica per la distillazione di olio di citronella, per le  donne del villaggio di Mothakkara, distretto di Wayanad in Kerala;

–          costruzione di 100 nuove abitazioni per i poveri di tutto il Kerala;

–          consegna di 400.000 sari alle donne già beneficiarie di varie iniziative umanitarie del MAM;

–          Amma ha sostenuto le spese per il matrimonio di 54 coppie che altrimenti non avrebbero potuto permettersi le nozze. Il MAM ha fornito tutti i sari e i dhoti (abiti tipici), i gioielli e tutto il necessario per il banchetto previsto da un matrimonio tradizionale.

Oltre al primo ministro, sono giunti sul palco anche il giudice  Sri P. Sathasivam, governatore del Kerala; Sri Mohan Bhagwat, capo (sarsanghchalak) del “Rashtriya Swaymsevak Sangh” (organizzazione dei nazionalisti indù); Sri Nitin Gadkari, ministro dei trasporti; Sri Shripad Yashoo Naik,  ministro di AYUSH (dipartimento delle medicine alternative) per il Kerala; il generale Sri V.K. Singh, ministro dell’Unione Indiana per gli affari esteri; il professor P.J. Kurien, vice presidente del Rajya Sabha (Consiglio degli Stati); Sri Amar Singh, membro del parlamento dell’Uttar Pradesh e presidente del partito Samajwadi; Sri A. Shanmugham di Coimbatore, Sri P.C. George e Sri O. Rajagopal, membri dell’assemblea legislativa del Kerala; Sri MK Raghavan, membro del parlamento; Sri Ganta Sreenivasa Rao, ministro per lo sviluppo delle risorse umane dell’Andhra Pradesh; Sri Kummanam Rajasekharan, presidente del BJP (Partito del Popolo Indiano) del Kerala; Sri Vellapalli Natesan, segretario generale dell’SNDP(organizzazione educativa del Kerala); e fra gli altri, Sua Eccellenza Philippe Janvier-Kamiyama del Consolato Generale di Francia a Pondicherry.

Poi Amma ha iniziato a fare ciò che fa ogni singolo giorno della sua vita – abbracciare le persone –  una per una, per tutto il tempo necessario, e in questo caso, fino alle 10:30 del mattino successivo, quando finalmente ha lasciato il palco, venticinque ore dopo il suo arrivo, con gli occhi scintillanti e il sorriso radioso come quando era appena arrivata.

Anche se le celebrazioni dell’Amritavarsham sono arrivate al termine continueranno senza fine nei cuori dei figli di Amma.

{phocagallery view=category|categoryid=369|displayname=0|displaydetail=0|displaydownload=0}