05 Lug

Che le nostre vite diventino un’offerta per alleviare le pene di chi soffre

Arlington, Virginia,  4-5 luglio – Tour del Nord America 2017

Come i fuochi d’artificio del 4 luglio scoppiavano sulla capitale, così i cuori della gente esplodevano per la gioia all’interno del Marriott Gateway Crystal City di  Arlington (Virginia), dove Amma ha tenuto un programma di due giorni.
Durante  i festeggiamenti, Amma ha raccomandato alla folla riunita per il suo programma di ricordare  ogni singolo membro della famiglia umana e di dedicare le nostre vite per recare sollievo a coloro che soffrono: “Che le nostre vite   diventino un’offerta  per alleviare le pene di chi soffre. Oggi così tante  persone soffrono di malattie e  povertà. Più di due miliardi di persone vivono sotto la soglia di povertà. Centinaia di milioni di persone sono analfabete. Noi abbiamo una responsabilità nei loro confronti. Abbiamo il dovere di procurare loro il cibo. Dobbiamo portare loro la luce della conoscenza. Questo è il nostro compito. In essenza,  siamo tutti una cosa sola – tutti figli della stessa madre. Realizziamolo, unendo i nostri cuori  nell’amore!  Non c’è bisogno di una rivoluzione industriale o tecnologica, ma di una rivoluzione che parta dal cuore:  una   rivoluzione interiore che ci faccia vedere gli altri come se fossero noi stessi, amando e servendo tutti. Questo è il desiderio  di Amma”.
Durante  il darshan vi sono stati numerosi spettacoli culturali, tra cui una recita che rappresentava  le dieci incarnazioni di  Vishnu. La famosa ballerina  Divya Unni si è esibita in una danza di Bharatanatyam per Amma.
Durante la celebrazione del  trentesimo anniversario della sua prima visita, Amma ha benedetto due alberelli che verranno piantati nell’ashram di Washington DC.
Dopo il Devi Bhava, in viaggio verso Toronto, Amma si è fermata con il gruppo del tour alle cascate del Niagara. I gabbiani volavano oltre la cortina di nebbia proveniente dalla vicina cascata  Horseshoe. Amma ha preso alcuni dolci  di riso, li ha sbriciolati con le mani, e si è divertita a lanciarne dei pezzi agli uccelli  che li prendevano  in volo. Poi si è allontanata  dalla folla per nutrirli personalmente. Un passerotto si è inserito nel trambusto dei più imponenti gabbiani e Amma gli ha sorriso amorevolmente.
Mentre il tramonto si rifletteva nella nebbia delle cascate, Siddharth, oggi tredicenne, ha intonato un canto dedicato al fiume Gange mentre  Amma  batteva il ritmo sulla sua sedia.
Amma ha cantato un  bhajan e ha condotto la  meditazione prima di attraversare la frontiera in direzione di Toronto per la tappa successiva del programma.