rosa_canina
30 Apr

Mellito d’inverno – Sciroppo a base di rosa canina

Durante gli incontri dell’associazione Amma Italia, abbiamo svolto insieme alcuni laboratori. L’amore di Amma per il lavoro concreto e il progetto di educazione ambientale che stiamo percorrendo ci portano ad applicarci ad attività pratiche secondo il concetto “quando ascolto dimentico. Quando vedo ricordo, quando faccio imparo”.

In seguito ad un laboratorio realizzato nel febbraio 2010 pubblichiamo la ricetta per preparare una bevanda preparata con bacche di Rosa Canina e Miele.

 

rosa_canina

 


PREPARAZIONE DEL MELLITO D’INVERNO

 

Ingredienti per un litro di sciroppo:

0,5 litro di acqua

500 grammi di miele

100 grammi di bacche di rosa canina

10-15 grammi di menta

10 millilitri di tintura di propoli

 

Preparazione

Mettere sul fuoco una pentola con la rosa canina e l’acqua, appena bolle abbassare la fiamma al minimo e far cuocere per 30 minuti

Spegnere e aggiungere 10 grammi di Menta. Tenere in infusione una decina di minuti.

Filtrare con un colino e garza che va poi spremuta.

Aggiungere al liquido 500 grammi di Miele, sciogliere lentamente, se necessario rimettere sul fuoco senza far bollire.

Far raffreddare, aggiungere la propoli e mescolare.

Imbottigliare in vetro scuro. Si conserva per sei mesi.

Una volta aperto conservare in frigorifero.

 

Posologia

Per gli adulti 3/4 cucchiai al giorno lontano dai pasti.

Per i bambini 3/4 cucchiaini da tè al giorno.

 

Utile da sapere

Le bacche di Rosa Canina risultano essere le “sorgenti naturali” con più concentrazione di Vitamina C, presente in quantità fino a 50-100 volte superiore rispetto agli agrumi.

Sarebbe meglio lavorare le bacche sempre a freddo per evitare l’alterazione delle vitamine contenute che sono termolabili. Si possono ridurre in purea col pestello dopo averle liberate dai semi e dai peli o prediligere la cottura a bagnomaria invece dell’ebollizione su fiamma diretta.

Poiché questa vitamina non può essere sintetizzata direttamente dall’uomo ( a differenza di quanto avviene per gli altri animali) essa deve essere introdotta con gli alimenti o con integrazione alimentare. Lo stile di vita occidentale, l’inquinamento industriale, l’influsso di apparecchi elettronici e il fumo di sigarette sono tutti fattori che aumentano il nostro fabbisogno di vitamina C. I fumatori dovrebbero sapere che ne consumano 25 mg per ogni sigaretta. La Rosa Canina reintegra la quantità di vitamina C sottratta all’organismo dal fumo delle sigarette. Anche le persone anziane hanno grande necessità di vitamina C.