Il sanscrito in Europa con A-View
12 Mag

A-View consente lo studio del sanscrito in Europa

2 maggio 2011 – Campus di Amritapuri

L’anno scorso Amrita Vishwa Vidyapeetham ha offerto per la prima volta un corso certificato di sanscrito agli studenti internazionali.

Quest’anno, prima dell’inizio dello stesso corso previsto per il periodo di luglio-agosto, un altro corso per i paesi europei è già stato avviato dalla piattaforma di Amrita e-learning.

Circa 40 studenti si riuniscono ogni due settimane, il venerdì, in Francia, Germania e Spagna per partecipare alle lezioni attraverso il sistema A-View.

Il sanscrito in Europa con A-View

Al campus di Amritapuri l’insegnante è Piyush Thomas Goldenberg. Studioso di sanscrito e residente dell’ashram, Piyush ha studiato sanscrito con Swami Kaivalyananda presso il Panmana Ashram, usando il testo tradizionale Laghu Siddhanta Kaumudi.

Servendosi di un testo di studio della lingua sanscrita impaginato in file PDF, Piyush comunica con gli studenti che si trovano in un altro continente, evidenziando gli elementi più importanti. Il sistema A-View gli consente di scrivere su una lavagna visibile agli studenti che possono, a loro volta, copiare le lettere dell’alfabeto.
E-learning per studiare il sanscritoLa lavagna e la possibilità di mostrare pagine in PDF sono elementi essenziali di queste tele-lezioni perché, insieme alla possibilità che gli interlocutori hanno di guardarsi e di parlarsi direttamente, creano una situazione di apprendimento ideale.

Gli europei hanno dimostrato un grande interesse per questo corso”, ha detto Piyush.

Durante lo scorso tour d’Europa, Amma ha espresso fortemente il desiderio che i residenti dei suoi vari ashram europei potessero apprendere il sanscrito.

Amma ha suggerito che Piyush avrebbe potuto tenere delle  lezioni dalla piattaforma di  Amrita e-learning, e quindi la prima lezione si è tenuta venerdì 15 aprile,  che tra l’altro era la festa di Vishu, Capodanno del Kerala.

Prima di cominciare, gli studenti hanno risposto a un questionario di tre domande: “Perché vuoi studiare il sanscrito?”, “A quale aspetto del sanscrito sei più interessato?”, e “Come pensi di usare questa conoscenza in futuro?”.

Il sondaggio ha indicato che la maggior parte dei potenziali studenti desideravano capire gli antichi testi come la Bhagavad Gita e le Upanishad, e volevano essere in grado di comprendere i mantra come quelli del Lalita Sahasranama.

Il motivo principale che li spingeva a studiare il sanscrito era in rapporto con le loro pratiche spirituali.

Illustrando la metodologia delle lezioni, Piyush ha spiegato: “E’stata necessari a una notevole organizzazione sul fronte europeo. Le lezioni saranno tradotte per chi non parla inglese. Versioni video saranno disponibili per chi non potrà seguire le tele-lezioni”.
Classi si sanscrito
Gli studenti non possono imparare il sanscrito dai libri che sono disponibili?

Molti libri di sanscrito sono davvero complicati, pieni di teoria e grammatica, e non offrono la conoscenza pratica che la maggior parte degli studenti cerca”, ha detto Piyush.

Inoltre, la pronuncia è un elemento fondamentale e non può essere appresa dai libri”.

Non mi aspetto che dopo questo corso gli studenti diventino degli studiosi di sanscrito, ma sicuramente vi troveranno una facile introduzione alla lingua che potrà costituire un solido fondamento per i loro studi futuri”.