campo bambini
17 Mag

Campo per ragazzi e bambini

Campo per ragazzi e bambini

17 – 18 maggio 2008 – Amritapuri

 

Lo scorso fine settimana, 2.500 ragazzi e bambini provenienti da tutto il Kerala sono giunti ad Amritapuri per Amrita Sangamam, un campo per lo sviluppo della personalità della durata di due giorni.

campo bambiniQuesto ritiro gratuito ha compreso lezioni di yoga e di meditazione, e discorsi motivazionali tenuti da vari relatori.

I partecipanti sono stati divisi in gruppi in base all’età. Amma ha interagito con i ragazzi in una vivace sessione di domande e risposte, dando il darshan e cantando.

La meditazione insegnata era una nuova versione della Integrated Amrita Meditation Technique® (Meditazione IAM) adattata per i ragazzi.

Come in ogni altro campo di questo tipo organizzato all’Ashram, il momento saliente è stato la sessione di domande e risposte.

La prima domanda è arrivata da una ragazza Malayali di 18 anni che studia in Tamil Nadu la quale ha detto che lei e altri studenti sono tormentati dalle molestie degli studenti più anziani. Quasi in lacrime, ha spiegato che pur essendosi lamentata con le autorità scolastiche, nessuna azione è stata intrapresa. Ha domandato ad Amma che cosa poteva fare.

“Il fatto che lo hai segnalato dimostra che hai coraggio”, le ha detto Amma. “Tu devi comunicare questi fatti alle autorità, altrimenti la situazione potrà solo peggiorare. Potrebbe finire in qualcosa di simile alla tortura, e perfino alla morte. Queste forme di bullismo sono un grande problema. Molte madri vengono da Amma e raccontano fatti simili. Non fanno parte della tradizione indiana, ma sono arrivati qui. Molti bambini stanno soffrendo per questo, molti cadono in depressione, per questo motivo, non possono studiare adeguatamente. La loro mente smette di funzionare in modo corretto e per superare il problema finiscono col ricorrere a dei farmaci antidepressivi.

 

“Non pensare che opporti a questo fenomeno sia una piccola cosa. Stai salvando molti da un grande disastro. Tuttavia, devi essere preparata ad affrontare le conseguenze e i problemi che potranno sorgere in seguito alla tua presa di posizione. Scrivi un rapporto e assicurati che corrisponda a verità. Non dobbiamo agire senza riflettere, ma neppure riflettere senza agire. Forse i tuoi amici non ti sosterranno e non perché non ti amino, ma perché hanno paura. Forse dovrai affrontare della sofferenza, ma nonostante ciò, parla. Denuncia l’adharma (l’ingiustizia). Solo in questo modo potrà essere ripristinato il dharma (la giustizia).

 

campo bambini 2Un’altra studentessa ha detto ad Amma che molti ragazzi nel suo college organizzano regolarmente grandi feste, spendendo molto denaro in cibo e alcolici. Nonostante lei abbia cercato di spiegare che il denaro speso potrebbe essere usato per aiutare i poveri, essi non hanno dimostrato nessun interesse per le sue parole. La ragazza voleva sapere come fare per rendere consapevoli i suoi compagni di classe.

 

“Soltanto chi ha sofferto la fame può capire il dolore di chi è affamato”, ha detto Amma. “Soltanto chi ha portato dei carichi pesanti conosce le difficoltà dell’uomo di fatica. Questi bambini non hanno sofferto nella loro vita, hanno sempre avuto dai genitori tutto quello che volevano. I loro genitori dovrebbero esaminare a fondo tutto questo.

“Una volta, nel campus di Coimbatore (Amrita Vishwa Vidyapeetham), abbiamo avuto un problema. I bambini sprecavano molto cibo – prendevano più di quello che potevano mangiare e poi gettavano via gli avanzi. Alla fine di ogni pasto, c’erano sempre 10 sacchi della spazzatura pieni di cibo avanzato. Erano stati avvertiti molte volte, ma non avevano mai dato ascolto. Così fu stabilita una multa per quelli che sprecavano il cibo. In una settimana, i dieci sacchi si ridussero a uno. Talvolta la consapevolezza nasce solo attraverso una punizione.

 

“Quando guardiamo il mondo, dobbiamo ricordare tutte le persone che soffrono. Se abbiamo in mente questo, possiamo ridurre la quantità di gelato e di cioccolato che mangiamo e il numero di vestiti che compriamo. Possiamo usare il denaro così risparmiato per aiutare i poveri”.

La domanda successiva è stata posta da un ragazzo: “Amma, dopo essere stati qui e aver ascoltato i discorsi degli swami, sentiamo realmente l’ispirazione di prendere la forte decisione di cambiare il nostro atteggiamento e lo stile di vita, ma questa decisione durerà soltanto finché non saremo tornati a casa. Poi cadremo preda delle nostre vecchie abitudini. Come possiamo sviluppare il potere della volontà per vivere questi ideali?”.

 

“Quando si avvicina il momento degli esami, nessuno spreca il tempo giocando o andando al cinema o spettegolando”, ha detto Amma. “Perché? Perché c’è maggiore consapevolezza. Se il vostro desiderio di cambiare è sincero, potrete risvegliate all’interno di voi questa consapevolezza”.

Amma ha poi sottolineato l’importanza di avere buone compagnie, spiegando quanta influenza abbiamo gli amici sulla personalità, l’atteggiamento e le azioni di ognuno.

 

“Dovremmo riservare un po’ di spazio per gli altri nel nostro cuore”, ha detto Amma. “E dovremmo avere anche la pazienza di aspettare gli altri. Così potremo avere il paradiso dentro di noi e creare il paradiso in terra”.

Amma ha consigliato tutti i bambini di iniziare dei progetti di servizio, come costruire gabinetti pubblici e pulire le aree pubbliche. Amma ha detto che malattie come l’aviaria e la dengue potrebbero essere evitate se le persone si impegnassero in attività di servizio di questo genere. “Prevenire è meglio che curare”, ha aggiunto Amma.

 

Verso la fine della sessione, una studentessa di ingegneria di Alappuzha ha detto: “Ho incontrato Amma per la prima volta in questo fine settimana. Sebbene la festa della Mamma sia stata festeggiata l’11 maggio, io sento che la vera festa della Mamma è oggi”. Questo ha suscitato un applauso scrosciante da parte di tutti i bambini.

La ragazza ha poi continuato dicendo ad Amma che molti ragazzi della sua scuola ricevono frequentemente vari video sui loro cellulari. Alcuni di questi sono molto violenti, arrivano perfino a mostrare delle esecuzioni. “Non capisco”, ha detto “come la gente possa guardare cose simili e non essere turbata da quello che vede. Oggi le persone sembrano desensibilizzate di fronte alla sofferenza degli altri. Amma può dirci qualcosa a questo proposito?”.

amma campo bambini“Noi non consideriamo i problemi della società come se fossero i nostri problemi. Durante la lotta per l’indipendenza dell’India, ognuno considerava suoi i problemi della società. Questo porta libertà. Bisogna riaccendere questa attitudine”.

Amma ha detto: “L’amore per Dio e la compassione per il mondo non sono due cose separate. Come potete insegnare l’amore? Come potete insegnare la compassione? Devono venire naturalmente da dentro. Dobbiamo pregare per queste persone”.

 

Amma ha inoltre parlato dell’importanza di rispettare i genitori e Madre Natura e ha insegnato alcune semplici pratiche da adottare per coltivare consapevolezza e rispetto, inclusa l’offerta di cibo a Dio prima di mangiare. Ancora, Amma ha spiegato ai ragazzi che per avere successo in ogni campo sono necessarie tre cose: kripa, karma, kaalam (la grazia, l’azione e il giusto tempo).

 

La sessione è terminata con la richiesta di un bambino ad Amma di cantare il bhajan “Mata Rani”. Amma ha accettato di cantare se in cambio loro avessero danzato a ritmo. E presto la sala si è riempita di canto e danza di ragazzi e di bambini che hanno il tempo delle propria vita sintonizzato con Amma.