12xmas-01

Sei in grado di fare ogni cosa

Amritapuri, vigilia di Natale 2012

La vigilia di Natale ad Amritapuri è stata celebrata in grande stile. L’ashram (centro spirituale, ndt) era pervaso da suoni e decorazioni tipici delle festività. All’esterno della casa di Amma era stato posto un albero di Natale colmo di decorazioni, inclusa una scena della Natività, mentre le scale che portano alla sua stanza erano state adornate con simboli di festa. Intorno alle 22 Amma è giunta nella sala grande, gremita di persone, per assistere ad uno spettacolo intitolato “Dio può”, eseguito da un cast di più di 150 persone provenienti da tutto il mondo.

 

12xmas-01

All’alzarsi del sipario, un predicatore proclamava al suo seguito che Dio è in grado di fare ogni cosa. Per dimostrare questa verità, la recita si è sviluppata attraverso tre storie separate.

La prima raccontava di come Dio ha separato le acque del Mar Rosso per Mosè e gli Ebrei affinché lo attraversassero senza pericolo, mentre venivano inseguiti dal faraone e dal suo esercito.
La seconda storia, anch’essa tratta dalla Bibbia, narrava di una giovane donna, affetta da paralisi, che viene guarita semplicemente toccando le vesti di Gesù.
L’ultima scena, infine, era incentrata sulle vicende di un giovane senzatetto che aveva rubato del pane per sfamare i suoi amici. Portato in giudizio, viene assolto grazie ad un improvviso mutamento d’animo del proprietario del negozio.

In tutti i casi, i personaggi hanno affrontato e superato le loro prove e tribolazioni grazie alla fede in Dio, sapendo che EGLI È IN GRADO DI FARE OGNI COSA.

L’esibizione è stata il frutto di quasi un anno di lavoro di dozzine di volontari, i quali si sono impegnati nella stesura dei testi, nella scelta della musica, hanno disegnato e creato i costumi, senza tralasciare il gran lavoro per la scenografia e.. settimane di prove. I loro sforzi hanno prodotto un’esibizione meravigliosa ed emozionante, terminata con una toccante preghiera in forma di canto:

Amma siamo qui,
abbiamo bisogno della tua benedizione.
Sappiamo di non meritare
tutto ciò che hai da donarci.
Ma come incarnazione
della vera compassione di Dio,
tu sei in grado di fare ogni cosa.

Al termine dello spettacolo, Amma ha pronunciato il suo messaggio di Natale:

”Non sappiamo chi busserà alla nostra porta in cerca di compassione, amore e gentilezza; ma se la nostra mente è comandata dall’ego e dall’egoismo, chiuderemo la nostra porta e negheremo persino al figlio di Dio un luogo dove nascere.
Chi può sapere a chi stiamo chiudendo le porte della compassione? Magari quella persona è destinata a divenire in futuro il nostro salvatore. D’altro canto, ogni volta che diventiamo umili, che troviamo un posto per gli altri nel nostro cuore, allora è lì, in quel momento, che nasce Gesù Cristo.

“La stella e gli ornamenti di Natale, il dolce che tagliamo e distribuiamo, i doni che ci scambiamo, aumentano il senso e la bellezza della festività, ma tutte queste cose sono solo usi e tradizioni esteriori. Non rendono il Natale completo. Ciò che dobbiamo fare è costruire una casa per Cristo nei nostri cuori, con le nostre preghiere come pilastri e il sacrificio che pratichiamo come suo tetto. Dobbiamo creare il letto del Signore con la nostra compassione. Il cibo che prepariamo per Lui dovrebbe essere Amore.”

Questo è il messaggio che Amma ha ricordato a tutti, apparso su dei grandi schermi, in sette lingue (inglese, spagnolo, francese, tedesco, italiano, finlandese e russo).

12xmas-2

Poi Amma ha cantato, mentre molte persone – sia indiani che occidentali – danzavano. Amma, pur non danzando, batteva le mani e muoveva le braccia con tanta energia e trasporto. Dopo mezz’ora, Amma ha guidato tutti nel canto di Lokah Samastah Sukhino Bhavantu (Che tutti Gli Esseri dell’Universo Siano Felici, ndt), prima di distribuire il dolce natalizio a tutti.