10 Mag

Amma a Trissur

26-27 aprile 2015, Trissur – Tour dell’India

Dopo la consacrazione del tempio Brahmasthanam di Manjeri, Amma è giunta a Trissur per una nuova tappa della terza parte del suo tour indiano.
Al suo arrivo sul luogo del programma, Amma si è intrattenuta con i devoti e i volontari servendo loro il pasto e cantando alcuni bhajan.

 

All’inizio del programma, durato due giorni, Amma ha distribuito ai presenti dei semi per incentivare l’autoproduzione di ortaggi biologici e consegnato le borse di studio Vidyamaritam a ragazzi poveri e i sussidi Amrita Nidhi ad alcune donne indigenti, molte delle quali hanno ritirato il loro assegno tra le lacrime. Alla cerimonia hanno preso parte anche il giudice distrettuale M.R. Anitha, il vicesindaco di Trissur, On. P.V. Sarojini, e l’On. Shoba Surendran, esponente politica del Kerala.

A dare il benvenuto ad Amma c’erano anche molte altre personalità pubbliche, tra cui la presidente del distretto di Trissur, On. J. Smitha, la ballerina Kalamndalam Kshemavati, il monaco Swami Muktananda del Vivekananda Kendra (organizzazione spirituale che si pone l’obiettivo di diffondere gli insegnamenti di Swami Vivekananda, santo indiano del XIX secolo, ndt), il poeta e scrittore Chovvalloor Krishnan Kutty, l’On. Therambil Ramakrishnan, membro del governo del Kerala, lo sceneggiatore cinematografico Madambu Kunjukuttan e il monaco Swami Vasudevananda, a capo del Tekke Madhom (centro spirituale di Trissur fondato nell’ottavo secolo dal santo indiano Adi Shankara, ndt).

Durante il programma, Amma ha guidato i presenti in una preghiera per le vittime del terremoto in Nepal, aggiungendo però che la preghiera da sola non basta. Amma, infatti, come espressione concreta del suo messaggio di compassione, ha inviato in Nepal un gruppo di volontari per avviare alcune operazioni di soccorso.

Il programma della prima sera si è svolto sotto una pioggia incessante che, però, non ha in alcun modo ostacolato il darshan.

 

Durante il programma, i giovani del gruppo AYUDH hanno allestito uno stand davvero particolare: è stato creato un giardino mobile per mostrare alle persone come realizzare in casa un piccolo orto biologico, ad esempio nella terrazza sul tetto, sul balcone, nella veranda o sul davanzale di una finestra.
Poiché il tempio è circondato dai campi, di notte al programma hanno partecipato anche moltissimi grilli e insetti di vario tipo, aggiungendo così ai bhajan un ulteriore sottofondo musicale per il darshan.

Gli studenti della locale scuola Amrita Vidyalayam si sono esibiti in bellissimi programmi culturali, mostrando così la ricchezza artistica di quella che è considerata la terra dei templi e la capitale culturale del Kerala.

 

{phocagallery view=category|categoryid=265|displayname=0|displaydetail=0|displaydownload=0}