06 Mar

Presentato il nuovo progetto umanitario “Hridaya Sparsham”

18-19 febbraio, Kozhikode, Kerala – Tour Indiano 2014

L’appuntamento annuale con il festival Brahmastanam di Kozhikode ha salutato la presenza di Amma il 18 e 19 febbraio.

Nell’occasione, è stato presentato il nuovo progetto umanitario “Hridaya Sparsham” (toccare il cuore): una joint venture del MAM (ONG fondata da Amma, ndt) e del quotidiano Mathrubhumi Daily. A lanciare il nuovo programma erano presenti, insieme ad Amma, anche Virendra Kumar, direttore del giornale, PV Chandran, l’editore, e il Dott. R Krishna Kumar, primario di cardiologia pediatrica dell’AIMS (Istituto Amrita per le Scienze Mediche – fondato da Amma nel 1998 a Kochi, in Kerala, ndt).

 

Il progetto “Hridaya Sparsham” si svilupperà intorno alla diagnosi e al trattamento delle malattie cardiache dei bambini in tutto lo Stato. Secondo le statistiche ogni anno, in Kerala, 1700 bambini nascono con una malattia congenita. Purtroppo, nella maggior parte dei casi non viene diagnosticata e di conseguenza molti bambini sviluppano gravi malattie o muoiono prematuramente. La ragione principale è che la maggior parte delle persone non pensa alla possibilità di queste malattie, oltre all’insufficienza di cure mediche adeguate e alla mancanza, da parte delle famiglie, di soldi per pagare i controlli e gli eventuali trattamenti.

 

Nei prossimi mesi  l’AIMS porterà il suo impegno a favore delle aree remote del Kerala con il fine di fornire a ogni bambino dello Stato un controllo generale gratuito della salute. Qualora ci fosse bisogno di un trattamento,  l’AIMS fornirà le cure mediche complete, incluse operazioni cardiologiche ai bambini che ne hanno bisogno.

Dopo aver lanciato il progetto, Virendra Kumar, il direttore del quotidiano, ha detto: “La parola amore diventa piena di significato solo quando la confrontiamo con l’amore della Madre. Quell’amore è senza confini e limitazioni, non desidera niente e semplicemente si offre al mondo. C’è solo una persona che lo fa veramente, la nostra Amma. Dalla nascita alla morte si ricorderà sempre la propria madre; io ho perso la mia mamma biologica: questo è il motivo per cui ora, nei momenti di ansia, di gioia, o nei miei problemi, mi ricordo di entrambe – la mia madre biologica e Amma, Mata Amritanandamayi.”

Nel corso del programma di due giorni Amma ha intonato molti canti in Malayalam, vecchi e nuovi; ha tenuto discorsi, condotto la manasa puja (rituale che include la meditazione, ndt) e ricevuto tutti con il suo Hridaya Sparshan – il tocco amorevole che apre e cura i cuori di milioni di persone intorno al mondo.