shivaratri amma
27 Feb

La danza di Nataraja: Shivaratri a Pune

Bharata Yatra 2006
27 Febbraio 2006, Sivaratri — Nigdi, Pune, Maharashtra

 

shivaratri ammaLe celebrazioni di Shivaratri erano al culmine.
I devoti di Amma residenti a Pune e i devoti e discepoli che accompagnano Amma nel suo tour stavano cantando i bhajan nella sala del darshan dell’Ashram di Pune dalle ore 18:00.
Il livello di energia era alto, mentre i bhajan, uno dopo l’altro, venivano offerti al Signore Shiva.
Amma sarebbe arrivata per unirsi a questa celebrazione che sarebbe durata tutta la notte? Era questa la domanda nella mente di ciascuno dei presenti.
Poi, a mezzanotte meno dieci – a metà dell’interpretazione estatica di “Shankara Shiva Shankara” da parte di un brahmachari, improvvisamente è apparsa Amma. Ovviamente tutti si sono alzati in piedi, e Amma ha camminato fra loro.
Amma avrebbe cantato dei bhajan con loro? No, avrebbe danzato.
Amma è salita sul palco, già decorato per il darshan del mattino seguente, e ha detto: “Danzate, cercate di vedere voi stessi come la vostra ishta-devata [amata divinità].”
A questo punto, qualcuno ha passato ad Amma un paio di kaimani [cimbali a mano], e gli Swami hanno cominciato a cantare accompagnati da tabla e harmonium.

    Bolo bolo sabmil bolo ‘Om namah Shivaya’
    Bolo bolo sabmil bolo ‘Om namah Shivaya’
    Jut jata me Ganga-dhari
    Trisula-dhari damaru bhajave

Il ritmo era veloce, e Amma si muoveva agilmente, ondeggiando da una parte all’altra seguendo la musica. I suoi occhi erano chiusi e anche se non aveva il microfono, coloro che si trovavano vicino al palco riuscivano a udire chiaramente la sua voce. Era davvero una danza estatica, piena d’energia. Certamente molti hanno pensato a Nataraja mentre compie questa danza di distruzione al termine di un ciclo di creazione.Ad un certo punto, Swamiji ha interrotto la canzone, ma Amma ha continuato a danzare; l’anello del suo kaimani, il battere dei suoi piedi e il battito delle mani dei devoti erano la sua sola musica. Quasi subito Swamiji, l’harmonium e, ovviamente, le tabla hanno ricominciato a suonare. Amma ha danzato ancora per un po’, e al termine si è seduta sul pavimento per meditare.
Amma è rimasta così per un po’ di tempo, quindi si è alzata e ha iniziato a distribuire pezzi di mela ai devoti.
Per i devoti di Pune che stavano osservando il voto tradizionale di Shivaratri (che impone di non mangiare e non dormire), l’apparizione di Amma è stata un’ispirazione, e ha dato nuovo vigore alle loro forze e nuova concentrazione alla loro attenzione. Anche per coloro che viaggiano con Amma è stata una vera e propria festa vedere Amma in Shiva Bhava. Ma in termini di tapas [austerità], quasi ogni notte del Tour dell’India è Shivaratri.

—Kannadi

Ogni oggetto — che si tratti di un animale, una pianta, un essere umano, un mondo, un universo o un pensiero — attraversa il processo di creazione, mantenimento e distruzione in ogni istante. Il Signore Shiva rappresenta il principio di distruzione. Nei Purana, la fine di un ciclo di creazione è resa in forma mitologica da Nataraja (uno dei nomi del Signore Shiva che significa “Re della Danza”) che compie la propria danza di distruzione. La morte di un bocciolo è la nascita di un fiore. La morte del fiore corrisponde alla nascita del suo seme.