23 Mar

Solo il nostro corpo è qui, il nostro cuore è sempre con te.

02-03 Marzo, Kozhikode, Kerala – Tour dell’India 2015

 

Erano le 17:30 quando il gruppo al seguito di Amma è giunto all’Ashram. Centinaia di devoti di Kozhikode attendevano in fila reggendo vassoi con fiori e lampade per la cerimonia di benvenuto anche se l’arrivo di Amma non era previsto prima delle 19:30. I numerosissimi devoti di Kozhikode, ammassati in fila lungo tutto il percorso fino al palco, non sono stati scoraggiati dalla lunga attesa e sono rimasti al loro posto, anticipando il momento felice dell’arrivo di Amma in cui sarebbero stati in grado di fermare il loro primo sguardo su di lei.

 

 

Appena giunta la notizia che l’auto di Amma si stava avvicinando, il canto di “Om Amriteswaryai Namah” è stato intonato con massimo fervore e proprio mentre Amma scendeva dalla macchina!

Amma ha attraversato l’ingresso prendendo, uno per uno, i fiori offerti dai devoti che si muovevano verso di lei traboccanti di devozione e gridando: “Amma!”.

Amma si è poi seduta direttamente sul piccolo palco, dove ha iniziato a intonare canti devozionali seguiti da una meditazione e ha poi distribuito piatti di cibo benedetto a ciascuno dei presenti, sorridendo a tutti coloro che erano seduti davanti a lei. Erano passate 21:30 quando Amma si è apprestata a salire i gradini verso la sua stanza. Indugiando ancora attraverso le tende dal balcone che si affaccia sulla sala, ha sorriso beatamente ai devoti sottostanti, che ondeggiavano avanti e indietro come un solo corpo, con le mani giunte in preghiera, guardando verso Amma e chiamando il suo nome.

Amma ha lanciato manciate di petali e le braccia dei devoti erano tese a catturare questi fiori benedetti, poi ha allungato le braccia per abbracciare simbolicamente tutto il gruppo e ha portato le mani al suo cuore, come a raccogliere tutti i devoti nel suo amore infinito.

Tra gli ospiti illustri, giunti il giorno successivo ad accogliere Amma, il Re di Kozhikode, Samutiri Raja, e il famoso scrittore in lingua malayalam, P. Valsala.

Amma ha distribuito sementi di ortaggi, sottolineando l’importanza che ciascuno crei orti biologici e manifestando molta gioia nel vedere gli studenti dell’Amrita Vidyalayam che portavano prodotti coltivati nelle loro scuole.

 

Un gruppo di giovani, provenienti da villaggi vicini, è rimasto con Amma sul palco e ha espresso pubblicamente l’impegno ad astenersi dal bere alcolici o dall’assumere qualsiasi sostanza stupefacente e a far si che il loro villaggio restasse libero dall’alcool.

Amma ha distribuito certificati dell’Università Amrita a 17 suoi figli delle tribù di Attapadi per il completamento di un corso online di sensibilizzazione sull’alfabetizzazione e la salute.

 

Amma ha ricevuto anche un altro ospite molto speciale in occasione: Manikyam, la più piccola mucca al mondo, insignita del guinness dei primati per questo. Manikyam appartiene alla razza Vechoor, una specie autoctona in via di estinzione in Kerala. Amma giocosamente le porgeva una banana e mentre la mucca cercava di afferrarla, Amma la teneva appena più distante così che Manikyam doveva protendersi ancora e ancora. Per diversi anni, Amma ha incoraggiato la tutela della Vechoor e di altre razze in pericolo allevandole e crescendole ad Amritapuri.

 

 

Aikyam, un devoto francese di quattro anni, ha manifestato sempre un’intensa devozione per Amma, sin da quando era molto piccolo; a due anni, infatti, ogni volta che si eseguiva di fronte ad Amma l’Arati, una speciale cerimonia con una fiamma simbolizzante l’abbandono dell’ego, egli, in braccio a sua madre, ne imitava i gesti come se conducesse lui tale offerta e a tre anni mostrava uno straordinario talento musicale intonando canti composti da Amma.

Quella sera stava lasciando Kozhikode con i suoi genitori era molto triste, e piangeva durante il programma di Amma. Prima di partire, Aikyam aveva scritto una lettera ad Amma: “La Francia non è la mia casa; la mia casa è in India. Il mio cuore è qui in India con Amma, e solo il mio corpo sta per tornare in Francia”.

Alla fine del darshan Amma ha cantato il nuovo bhajan “Mariyamma”, toccando profondamente il cuore dei devoti con questo canto colmo di devozione.

Quando Amma ha lasciato Kozhikode, dopo due giorni di programmi, lo stesso sentimento di Aikyam si poteva leggere negli occhi dei devoti che la guardavano per l’ultima volta: “Solo i nostri corpi restano qui, Amma… i nostri cuori sono sempre con te”.

 

{phocagallery view=category|categoryid=245|displayname=0|displaydetail=0|displaydownload=0}