04 Apr

Amma a Hyderabad: Possa la nostra vita diventare un dono offerto al prossimo

18-19 marzo, Hyderabad – Tour dell’India 2016

 

Dopo il programma di Bangalore, Amma ha viaggiato verso est e ha tenuto un festival Brahmasthanam di due giorni nella calda e torrida Hyderabad (con picchi giornalieri di 40-46 gradi), dove ha condotto satsang, cantato bhajan, guidato la Manasa puja e la meditazione in telugu, la lingua locale.

 

Rivolgendosi alla gente, Amma ha detto: “Facciamo in modo che la nostra vita diventi un dono offerto alle persone che soffrono in modo da alleviare il loro dolore. Per essere compassionevoli verso i poveri, non c’è bisogno di essere molto ricchi o avere una posizione di prestigio nella società. Una parola gentile, uno sguardo compassionevole, un piccolo gesto, tutto questo può portare la luce nella vita degli altri, così come nella nostra. Non è quello che abbiamo ricevuto, ma quello che siamo stati in grado di dare, che determina il valore della nostra vita. Essere riusciti a portare la felicità a un’anima, anche per un minuto, è già di per sé un grande risultato”.

Durante la funzione, Amma ha distribuito ai devoti più di 200 alberelli incoraggiandoli a piantarne altri per ripristinare l’armonia nella natura. Ha baciato ogni alberello prima di consegnarlo ai devoti che sprizzavano di gioia nel riceverlo.

 

Una donna, ufficiale superiore di polizia femminile, che è venuta a incontrare Amma ha posto una domanda: “Tutto il giorno, mi trovo ad affrontare persone che creano problemi nella società. Così, dopo un po’, mi è difficile rimanere centrata. Poiché in questo settore domina soprattutto l’energia maschile, faccio fatica a mantenere le mie qualità femminili”. Amma ha così risposto: “Figlia, ti è stato affidato il compito di occuparti del giardino. In realtà, una giardiniera non rimarrà a godersi la bellezza del giardino ma si concentrerà maggiormente sui vermi e sugli insetti che possono distruggere la bellezza del giardino. È costretta a eliminarli e solo allora le piante potranno essere sane, fiorire e donare i loro frutti. Amma sa che, nella maggior parte dei casi, i funzionari rimangono incastrati e non sono in grado di lavorare liberamente e che, a volte, non possono agire secondo il dharma a causa della pressione dall’alto… Figlia, comprendi il tuo ruolo – quando sei in ufficio, sii un ufficiale, quando sei a casa, sii una madre, una moglie, ecc.  Impara a passare da un ruolo all’altro a seconda della situazione”.

Durante il darshan la folla è stata deliziata da un buon numero di emozionanti spettacoli culturali, tra cui la danza “Oggu Dolu” che la comunità Yadava di solito presenta solo nei templi. Inoltre i bambini della locale Amrita Vidyalayam hanno messo in scena diversi spettacoli.

 

Il secondo e ultimo giorno, Amma ha finito il darshan alle 3:20 di notte e ha cantato due gioiosi bhajan prima di lasciare definitivamente il palco. Poche ore dopo, lei e il suo gruppo erano di nuovo in viaggio… questa volta diretti a Pune per la tappa successiva del tour e per celebrare Holi (festa che celbra l’inizio della primavera, n.d.t.).

 

{phocagallery view=category|categoryid=326|displayname=0|displaydetail=0|displaydownload=0}