12 Ago

Costruiamo un ponte d’amore e fratellanza universale

27 luglio 2014, Amritapuri

 

Il 27 luglio, alla vigilia di Eid al-Fitr, la celebrazione che segna la fine del Ramadan, l’on. Thykkuttathil Zakkeer, membro della Commissione per la tutela delle minoranze del Governo indiano, insieme alla sua famiglia, ha incontrato Amma nella sede di Amritapuri. Rispettando la tradizione islamica dello scambio di doni il giorno di Eid al-Fitr, il signor Zakkeer ha donato ad Amma frutta, dolci e una targa con sopra incise alcune preghiere di buon auspicio tratte dal Corano.

 

Su richiesta del signor Zakkeer, Amma ha poi tenuto un discorso, in cui ha detto: “Il sacrificio di sé, la carità, la compassione e la conoscenza sono i valori espressi da tutte le grandi anime e da tutte le sacre scritture. Anche il Profeta Maometto e il Sacro Corano ci chiedono di adottare questi principi e noi abbiamo il dovere di scolpire questo loro messaggio nel nostro cuore. Seguirli non significa soltanto comprenderli intellettualmente, ma, soprattutto, tradurli in azione nella nostra vita, così saremo in grado di provare amore e compassione per i nostri simili.

Lo scambio dei doni alla fine del Ramadan simboleggia il dare e il ricevere e, grazie a tale condivisione, saremo in grado di costruire un ponte d’amore e fratellanza universale; questo sentimento di amore e unità è qualcosa che dovremmo tener sempre vivo, in ogni istante della nostra vita.

Così come il sole non ha bisogno della luce di una candela, Dio non ha bisogno di nulla da noi. Nonostante ciò, è nostro dovere scendere al livello di coloro che soffrono, ascoltando i loro problemi, cercando di comprendere le loro difficoltà e consolandoli. Questo è il modo migliore per ricevere la grazia di Dio. Come il candore della luna “illumina le notti” del Ramadan, possa la luce dell’amore illuminare i nostri cuori fino a diventare la forza ispiratrice per il mondo intero”.