29 Nov

“Dovremmo restituire almeno quanto prendiamo”

Tolone, Francia, 7 – 9 novembre 2016

Tour Europeo 2016

La notte del 6 novembre, al suo arrivo all’Omega Zenith Arena di Tolone, nel sud della Francia, reduce dalla lunga notte di Devi Bhava a Barcellona protrattasi fino al mattino del giorno dopo, Amma è stata accolta da più di 1000 volontari. I volontari dell’Omega Zenith avevano lavorato sodo alla preparazione del programma che avrebbe avuto inizio il mattino seguente ed erano ansiosi di poter vedere Amma al suo arrivo. Nessuno, però, si aspettava ciò che sarebbe successo: Amma è salita direttamente sul palco! Nonostante il ritmo stressante, le lunghe ore del programma di Barcellona e il giorno intero di viaggio, Amma ha voluto servire il pasto ai suoi figli. I volontari non stavano più nella pelle e anche loro, a loro volta, avevano qualcosa da dare ad Amma. Durante i lavori di preparazione avevano trovato il tempo di confezionare per lei un regalo molto speciale: una ghirlanda fatta di cuori di carta, ciascuno con sopra una preghiera di gratitudine, espressione dei loro sentimenti di amore e riconoscenza per i cambiamenti positivi e le benedizioni da lei portati nelle loro vite.  Amma ha osservato per bene ogni preghiera e si è stretta la ghirlanda al cuore.

 

Nonostante il programma si tenesse in tre giorni lavorativi, l’Omega Zenith era gremita, addirittura straripante, e ogni mattina era possibile trovare persone in coda da molto prima del sorgere del sole. Il sentimento dei presenti è stato catturato al meglio probabilmente durante il programma dell’ultima sera: mentre Amma si inchinava dinanzi alla folla raccolta è partita un’onda spontanea, in avanti e all’indietro per tutti gli stand, e similmente voci si sono levate in acclamazione per l’arrivo di Amma. Di fronte a questo spettacolo, non si poteva non sentirsi ispirati e rincuorati dall’esplosione di amore e riconoscenza per Amma e per tutto ciò che lei rappresenta: amore, pace, compassione, gentilezza, pazienza, perdono, accettazione, fede. Vedere che è ancora possibile, nel mondo di oggi, riempire un’enorme arena con persone che desiderano la pace nel mondo e portare pace nei loro cuori e nei cuori di tutti coloro che incontrano è un balsamo per l’anima.

Nel suo discorso, Amma ha ricordato ai presenti l’importanza di prendersi cura dell’unico mondo che abbiamo: “Questo mondo è un giardino dal valore inestimabile con cui Dio ha benedetto l’umanità e gli altri esseri. Dio ci ha fornito tutte le risorse e le ricchezze necessarie affinché tutti potessimo condurre vite sane, felici e tranquille. L’unica condizione posta da Dio era che restituissimo almeno quanto prendevamo. Dio ha dato a tutti noi il permesso e la benedizione di godere di tutto ciò che vogliamo, ma Dio ci ha affidato anche la responsabilità di salvaguardare la bellezza e le risorse di questo giardino, quindi non dovremmo danneggiarlo”. Vedendo le schiere di persone riunite per ricevere l’amore di Amma e trasmetterlo al mondo, ci si è sentiti pieni di speranza che le parole di Amma venissero prese a cuore e che correnti di amore e compassione potessero inondare quello splendido giardino che è il nostro pianeta e che possa arrivare l’atteso giorno in cui la sua bellezza e armonia originarie verranno ripristinate.

{phocagallery view=category|categoryid=378|displayname=0|displaydetail=0|displaydownload=0}