22 Nov

Corazòn Solidario ha reso omaggio ad Amma per le sue opere umanitarie

Barcellona, Spagna, 3 – 5 novembre 2016

Tour Europeo 2016

Dopo aver fatto tappa per diversi anni nella vicina Granollers, Amma ha svolto il consueto programma pubblico e gratuito nel cuore di Barcellona, al Palau Sant Jordi, la terza più grande arena coperta in Europa.

 

Il Palau Sant Jordi fa parte del complesso dell’anello olimpico, costruito per ospitare le Olimpiadi del 1992. L’arena è situata accanto al bellissimo Palazzo Nazionale e alla maestosa Fontana Magica di Montjuic.

La visita di Amma a Barcellona, è stata accompagnata da un premio da parte della ONG spagnola “Corazón Solidario”. L’organizzazione sceglie una persona ogni anno per rendere onore al suo impegno umanitario, e in qualità di essere umano di levatura eccezionale.

Quest’anno, Corazón Solidario ha offerto questo riconoscimento alla nostra amata Amma, per la sua vita al servizio degli altri e per la sua opera umanitaria che aiuta milioni di persone in tutto il mondo. Il premio è stato consegnato ad Amma dal presidente della ONG, Emilio Álvarez.

Negli ultimi tre anni, Amma ha sostenuto i bambini nella vicina Granollers con Embracing the World, coprendo i costi dei più svantaggiati, che non possono permettersi la mensa scolastica, i mezzi pubblici, nonché l’assistenza medica e il dopo scuola.

Finora, in tal modo sono stati supportati 110 bambini, e quest’anno Amma ha consegnato alla signora María del Mar Sánchez, membro del consiglio municipale di Granrollers, un assegno con la donazione di Embracing the World, in modo che il progetto possa continuare.

Un altro momento topico del programma di Amma a Barcellona è stata la performance della Sant Andreu Jazz Band, composta da virtuosi musicisti professionisti, in età compresa fra i sette e i ventanni. L’intera platea era catturata dalla loro esibizione lirica ed elevata, da cui trasparivano grande talento, pratica, dedizione e concentrazione.

Negli ultimi quattro anni, ispirati dall’esempio di Amma, i nostri volontari, impegnati fuori dal territorio di Barcellona, stanno dando seguito a un programma di assistenza al vicino carcere di Quatre Camins.

I detenuti imparano e praticano la meditazione IAM di Amma, e si impegnano in progetti di servizio sociale e ambientale sia dentro che fuori le mura della prigione. Essi affermano che l’influenza di Amma, attraverso la meditazione, gli insegnamenti, e l’ispirazione a servire, ha prodotto un grande impatto nella loro vita, contribuendo a rischiarare le loro menti e lenire i loro cuori.

Quest’anno, due detenuti hanno offerto delle poesie nelle quali hanno espresso ciò che provano per Amma e la differenza che incontrarla ha prodotto nella loro vita.

Uno dei prigionieri, ha messo anche in musica rap la sua poesia. Per ora, vi lasciamo con le loro parole:

Una canzone per Amma dalla prigione (estratto del testo integrale)
A volte mi sento triste,
mille cose si scontrano con me,
in questo mondo materiale
governato dal denaro,
ma tu spalanchi le mie barriere –
la tua umiltà senza pregiudizio
mi avvolge tra le tue braccia…
E mi dimentico ogni giudizio.
In mezzo al buio c’è una luce splendente
Splendente! Splendente! Splendente!
E questo è amore, questo è amore!
Un abbraccio non è né potere né cibo né denaro
Ma è puro e vero e amore.
Aiutare gli altri è il modo in cui ottenere più amore.
Sciogli l’odio in un abbraccio per costruire la pace.
Dentro di te c’è un essere superiore.
Invitalo a creare un mondo migliore!

ALLA LUCE DEL TUO SGUARDO, AMMA
La prigione era buio,
con sbarre grigie alle finestre,
e frammenti di terra secca in mezzo a padiglioni sordi e tristi.
Sei arrivata, e scivolavi tranquilla e dolce
dietro sbarre, cancelli, bastioni e mura.
Il tuo sguardo amorevole si è fermato su di noi,
prigionieri delle nostre paure.
Dalla profondità vertiginosa dei tuoi occhi
salgono raggi di amore divino
che fanno rifiorire i nostri cuori morti
e le terre aride.
Ora la prigione non è più dietro le sbarre: ci hai insegnato
con il tuo esempio a trascenderle.
Le terre aride sono diventate giardini magici
che venerano la Madre Terra
e il nostro cuore si è aperto per servire il mondo.
Amma ha trasformato il carcere in un tempio
e noi nei vostri servitori.
Non smettere mai di guardarci, per favore, Amma!
Non distogliere i tuoi dolci occhi da noi
perché il tuo sguardo scioglie le sbarre delle nostre prigioni
e ora sappiamo che c’è luce.

{phocagallery view=category|categoryid=377|displayname=0|displaydetail=0|displaydownload=0}